Cerca nel Sito   
Ricerca Avanzata

4 Ragioni per cui l'uso di Lenti a contatto non è un problema ai tempi del Covid-19

Nonostante i rapporti contrastanti, i portatori di lenti a contatto sono più sicuri che mai, a condizione che i pazienti aderiscano alle istruzioni adeguate di usura e cura.
Fino a quando gli Stati Uniti non hanno preso il comando il 26 Marzo 2020, l'Italia ha registrato il tasso più elevato di casi confermati. Al momento in cui scrivo (1 Aprile), siamo al 25° giorno di blocco, restando a casa.

Il nostro paese l'Italia sembra attraversare le sette fasi del dolore. Dopo la fase di negazione, che purtroppo è durata troppo a lungo, costando migliaia di vite umane, ora siamo nella fase del dolore e della colpa. Abbiamo cercato il colpevole per poter attribuire a qualcuno la colpa di questo disastro di vite umane, di finanze personali e dell'economia mondiale. Abbiamo anche attraversato la fase della contrattazione, quel periodo di canto e danza sui balconi per scongiurare il virus, o almeno le sue implicazioni psicologiche.

Attualmente stiamo lavorando alla seconda metà di quella fase, la rabbia, e forse stiamo entrando nella depressione. In questo momento, sfortunatamente, alcune persone hanno finito i soldi e non hanno più abbastanza da mangiare, quindi attaccano i supermercati o fanno acquisti e sgattaiolano fuori senza pagare. Questi comportamenti violenti e impulsivi ignorano il distanziamento sociale e potrebbero potenzialmente peggiorare la diffusione del virus. Il nostro sistema sanitario è già a rischio di collasso.

Fortunatamente, la fase della depressione è ancora limitata a poche persone disperate, ma le voci di un blocco prolungato non promettono reazioni psicologiche positive.

Da un punto di vista professionale, gli Optometristi sono considerati un servizio essenziale. Alcuni sono aperti in un intervallo di tempo ristretto (solo due o tre ore al mattino), mentre altri sono disponibili solo per le emergenze.

Come in altri paesi, ci troviamo inondati di disinformazione e notizie false. Qui, sto personalmente cercando di fornire informazioni e fonti credibili e basate sull'evidenza di cui professionisti e pazienti possano trarre vantaggio.

Un popolare proverbio italiano recita: "Non c'è due senza tre", che, negli Stati Uniti si traduce in: "bad things come in threes". Dopo la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-CoV) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente coronavirus (MERS-CoV), il terzo romanzo iterativo, SARS-CoV-2, non poteva mancare: le conseguenze fatali dei primi due virus avrebbero dovuto allarmare la popolazione globale sui rischi del coronavirus.

SARS-CoV-2, comunemente noto come COVID-19, è un'importante emergenza sanitaria globale con notevoli implicazioni psicosociali e commerciali. A partire dal 1° Aprile 2020, ci sono 878.062 casi confermati a livello globale e 43.893 decessi.1 In generale, i pazienti con infezione da COVID-19 hanno il primo sintomo di febbre e quindi possono sviluppare un disturbo respiratorio, tosse e affaticamento che possono rapidamente evolvere in polmonite.2 Altri segni come la congiuntivite sono stati osservati in alcune occasioni.3

I ricercatori hanno identificato diverse potenziali vie di trasmissione, tra cui le goccioline respiratorie e il contatto ravvicinato, e ne hanno ipotizzate altre, come il contatto con la superficie oculare.4 Diversi studi riportano che vi è la possibilità di trasmissione virale attraverso le mucose oculari, le lacrime e la congiuntiva.5-10 Anche con tutta questa recente ricerca, esistono controversie sulla rotta della trasmissione del COVID-19 attraverso le lenti a contatto. Una miriade di editoriali e articoli hanno affrontato questo argomento, spaziando da informazioni affidabili a rapporti speculativi e persino incredibili.

Questi quattro scenari confutano il concetto che le lenti a contatto dovrebbero essere evitate durante la pandemia COVID-19:

1. Supponiamo che il virus raggiunga gli occhi aderendo alla superficie della lente a contatto e quindi migrando verso la mucosa oculare, infettando l'individuo. Forse il virus penetra anche nel materiale delle lenti a contatto, non solo aderendo alla superficie. Questa aderenza può verificarsi sia con il contatto aereo sia con le dita contaminate durante l'inserimento o la rimozione. 

Anche se ciò si rivela vero con ulteriori studi, i pazienti non sono necessariamente a maggior rischio di esposizione a causa dell'utilizzo delle lenti a contatto. Se il virus raggiunge la lente a contatto, aderendo alla superficie anteriore, raggiunge anche le parti esposte dell'occhio, fornendo un contatto diretto con la mucosa oculare, continuando a infettare l'individuo. Il virus infetta il paziente in entrambi i casi, indipendentemente dal fatto che stiano indossando lenti a contatto o meno. Anche se il virus è incorporato nel materiale della lente, le goccioline infette a contatto con la mucosa esposta penetreranno nell'organismo più velocemente rispetto a quelle assorbite dalla lente, poiché quest'ultimo deve essere rilasciato dal materiale della lente a contatto prima di infettare l'organismo.

Vari studi riguardanti la potenziale via di trasmissione del coronavirus attraverso l'occhio hanno trovato il virus nel sacco congiuntivale dei pazienti infetti, ma non hanno notato la trasmissione virale attraverso la via congiuntivale.5,7,8,10 Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio se l'occhio può essere specificamente una via di trasmissione alternativa di COVID-19. Tuttavia, anche se il virus infetterà i soggetti attraverso gli occhi, il virus infetterà i soggetti attraverso la mucosa oculare, che indossino o meno le lenti a contatto.

2. Alcuni pensano che gli occhiali offrano una sorta di protezione dal virus. In questo caso, i medici dovrebbero considerare irresponsabili gli esperti internazionali e l'Organizzazione mondiale della sanità per non raccomandare di indossare occhiali, siano essi occhiali o occhiali da sole. In questo scenario, i produttori di occhiali dovrebbero raccomandarli a tutta la popolazione mondiale. Inoltre, i medici dovrebbero raccomandare ai portatori di lenti a contatto di indossare occhiali da sole per proteggersi dalla diffusione virale.

Tuttavia, gli occhiali non rappresentano un'adeguata protezione.11,12 In effetti, possono rappresentare una potenziale fonte di contagio, probabilmente più delle lenti a contatto. Gli occhiali possono essere realizzati in metallo e in plastica, mentre le lenti a contatto sono in idrogel o in una miscela di idrogel e silicone. La ricerca mostra che SARS-COV può sopravvivere su superfici in metallo e plastica fino a nove giorni, ma solo fino a cinque giorni su gomma siliconica.13  Inoltre, i pazienti applicano le lenti a contatto al mattino con le mani lavate (al mattino le mani hanno un minor rischio di  passare l'infezione), mentre le persone che indossano gli occhiali tendono a toccarsi frequentemente durante il giorno, soprattutto i presbiti, con le mani non lavate, trasferendo il virus dalle dita al viso.

3. Alcuni ritengono che anche un adeguato lavaggio delle mani non elimini tutti i microbi e i virus dalle mani, suggerendo che chi indossa le lenti a contatto rimane a rischio anche con un'igiene adeguata. Se questo è vero, gli studi dimostrano che l'etanolo è eccellente nell'inattivazione del coronavirus umano.13 I medici possono suggerire ai pazienti di usare guanti monouso, etanolo o salviette imbevute di alcol per disinfettare le dita prima della manipolazione delle lenti come ulteriore precauzione.14

4. Realisticamente, i portatori di lenti a contatto non smetteranno di indossare le loro lenti. Invece di un drastico divieto di indossare le lenti a contatto, i medici dovrebbero usare questo come un'opportunità per educare i pazienti a:
  • Corretto lavaggio delle mani
  • Adeguata disinfezione delle lenti a contatto ogni sera (etanolo, perossido di idrogeno e ipoclorito di sodio tutti inattivano i coronavirus umani)13
  • Conformità con le soluzioni di igiene e cura delle lenti a contatto
  • Disinfezione corretta degli occhiali più volte durante il giorno (la disinfezione degli occhiali, sfortunatamente, non è raccomandata tutte le volte che dovrebbe)
  • Interrompere il porto delle lenti se malato. Questa raccomandazione è valida per qualsiasi tipo di malattia, compresa questa
Vogliamo proteggere gli occhi, ma le lenti a contatto e gli occhiali non sono un problema. I pazienti devono invece utilizzare maschere conformi e approvate, che indossino o meno lenti a contatto, ricordando di disinfettarle spesso e correttamente.
False accuse

L'attenzione prestata alle superfici e ai materiali delle lenti a contatto è curiosa, considerando che pochi hanno espresso preoccupazione simile per i telefoni cellulari, che sono fatti di plastica e vetro che possono ospitare il virus molto meglio delle lenti a contatto. Immagina quante volte al giorno le persone toccano il loro smartphone e poi, pensando di avere la mani pulite, toccano il viso, trasportando microbi e virus agli occhi, al naso e alla bocca. I telefoni cellulari e le tastiere dei computer sono terribili fonti di virus. Dobbiamo chiedere a tutti di smettere di usare anche il cellulare e il computer?
Suggerire ai pazienti di limitare il loro utilizzo delle lenti a contatto solo alle emergenze e altrimenti indossare gli occhiali non ha senso. Vari esperti di lenti a contatto hanno aggiunto alla conversazione, fornendo dichiarazioni basate sull'evidenza sulla sicurezza nell'utilizzo delle lenti a contatto.15-19

Un altro fattore essenziale e ragionevole da considerare durante questa pandemia è l'impatto psicologico. COVID-19 ha implicazioni psicosociali significative e le lenti a contatto hanno dimostrato di migliorare la qualità della vita dei pazienti rispetto alla correzione degli occhiali, non solo correggendo gli errori di rifrazione, ma anche fornendo un aspetto migliore e meno limitazioni fisiche.20,21 Quest'ultimo fattore non dovrebbe essere sottovalutato durante la pandemia.

Sono necessarie ricerche continue su questo argomento per comprendere veramente il ruolo delle lenti a contatto con il COVID-19. Mentre la letteratura sta emergendo, i clinici dovrebbero essere pratici nelle loro raccomandazioni con precauzioni conservative che i pazienti possono adottare in questo momento. I professionisti devono tenersi aggiornati sulle raccomandazioni basate sull'evidenza in questa situazione di pandemia in rapida evoluzione e fare riferimento a fonti credibili come le istituzioni accademiche e le fonti normative e governative delle organizzazioni globali.

Spero che, quando questo editoriale arriverà alla stampa, l'Italia avrà compiuto la svolta verso la ricostruzione, l'accettazione e la speranza. Insieme, possiamo tutti superare questa pandemia per mantenere le nostre famiglie e i pazienti il più sicuri possibile.

Dr. Fadel è un Optometrista specializzato in lenti a contatto per la cornea irregolare, lenti sclerali e ortocheratologia. Ha uno studio privato di lenti a contatto in Italia, dove progetta speciali lenti a contatto personalizzate.


By Daddi Fadel, DOptom



1. World Health Organization. Coronavirus disease (COVID-2019) situation reports. www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports. Accessed March 27, 2020.
2. Huang C, Wang Y, Li X, et al. Clinical features of patients infected with 2019 novel coronavirus in Wuhan, China. Lancet. 2020;395:497-506.
3. Rothe C, Schunk M, Sothmann P, et al. Transmission of 2019-nCoV Infection from an 205 Asymptomatic Contact in Germany. N Engl J Med. 2020;382(10):970-971.
4. Brankston G, Gitterman L, Hirji Z, et al. Transmission of influenza A in human beings. Lancet Infect Dis. 2007;7:257e265.
5. Xia J, Tong J, Liu M, et al. Evaluation of coronavirus in tears and conjunctival secretions of patients with SARS-CoV-2 infection. J Med Virol. February 26, 2020. [Epub ahead of print].
6. Lu CW, Liu XF, Jia ZF. 2019‐nCoV transmission through the ocular surface must not be ignored. Lancet. 2020;395:e39.
7. Zhou YY, Zeng YY, Tong YQ, et al. Ophthalmologic evidence against the interpersonal transmission of 2019 novel coronavirus through conjunctiva. 2020. unpublished.
8. Seah I, Agrawal R. Can the coronavirus disease 2019 (COVID-19) affect the eyes? a review of coronaviruses and ocular implications in humans and animals. Ocul Immunol Inflamm. 2020;16:1-5.
9. Dai X. Peking University Hospital Wang Guangfa disclosed treatment status on Weibo and suspected infection without wearing goggles. Beijing News. January 22, 2020.
10.  Jun ISY, Anderson DE, Kang AEZ, et al. Assessing viral shedding and infectivity of tears in coronavirus disease 2019 (COVID-19) patients. Ophthalmology. March 24, 2020. [Epub ahead of print].
11. Centers for Disease Control and Prevention. Interim infection prevention and control recommendations for patients with suspected or con-firmed coronavirus disease 2019 (COVID-19) in healthcare settings. www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/infection-control/control-recommendations.html#minimize. Accessed March 30, 2020.
12. World Health Organization. Coronavirus disease (COVID-19) advice for the public. www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public. Accessed March 30, 2020.
13. Kampf G, Todt D, Pfaender S, Steinmann E. Persistence of coronaviruses on inanimate surfaces and their inactivation with biocidal agents. D Hosp Infect. 2020;104:246-51.
14. Fonn D, Jones L. Hand hygiene is linked to microbial keratitis and corneal inflammatory events. Contact Lens Anterior Eye. 2019;42:132-35.
15. Walsh K. COVID-19 and contact lens wear: what do eye care practitioners and patients need to know? Contact lens Update. March 16, 2020.
16. Centre for Ocular Research & Education. Top contact lens experts dispel misinformation regarding coronavirus / COVID-19 protections for contact lens wearers. https://core.uwaterloo.ca/news/top-contact-lens-experts-dispel-misinformation-regarding-coronavirus-covid-19-protections-for-contact-lens-wearers. Accessed March 30, 2020.
17. Centre for Ocular Research & Education. Contact lens update special edition: COVID-19 and contact lens wear. https://core.uwaterloo.ca/news/contact-lens-update-special-edition-covid-19-and-contact-lens-wear. Accessed March 30, 2020.
18.  British Contact Lens Association. Contact lens wear and coronavirus (COVID-19) guidance. www.bcla.org.uk/Public/Public/Consumer/Contact-Lens-Wear-and-Coronavirus-guidance.aspx. Accessed March 30, 2020.
19. Fadel D, Walsh K. Covid-19, [when the use of lenses is safe]. www.b2eyes.com/news/covid-19-quando-l%E2%80%99uso-delle-lenti-%C3%A8-sicuro. Accessed March 30, 2020.
20. Porisch E. Football players’ contrast sensitivity comparison when wearing amber sport‑tinted or clear contact lenses. Optometry. 2007;78:232‑35.
21. Queirós A, Villa-Collar C, Gutiérrez AR, et al. Quality of life of myopic subjects with different methods of visual correction using the NEI RQL-42 questionnaire. Eye Contact Lens. 2012;38(2):116-21


Paolo Poggio - OTTICA POGGIO - Via Santuario,21 - 12033 MORETTA (CN) - Int.0172/244686 - Tel.0172/94293 - Fax. 0172917735 - P.Iva : 01953600044 - E-mail : info@otticapoggio.it